ultime notizie

Alice: il suo Viaggio in Italia ...

La cantautrice terrà a ottobre una serie di concerti in terra tedesca Alcuni viaggi non finiscono mai, restano dentro, circolano tra mente e cuore, aprono nuovi spiragli indicando percorsi interiori ...

Underfloor

Vertigine

Quando si parla di rock fiorentino la mente degli appassionati va al periodo d'oro degli anni ottanta. Quello in cui nascevano gruppi come Litfiba, Diaframma e Neon e che ponevano il capoluogo toscano al centro dell'interesse musicale e culturale di tutta Italia. Forse gli Underfloor sono tra i pochi degni eredi di quel periodo: sia per qualità musicale (di cui parleremo tra poco), sia per l'indipendenza nella creazione di questo loro secondo album. La Suburban Sky è un'etichetta da loro fondata, mentre la registrazione del disco è stata effettuata nel loro studio-sala prove. Il legame con il rock del decennio sopra citato è poi suggellato dalla presenza di Ernesto de Pascale (produzione e missaggio), Francesco Magnelli (ospite al piano rhodes) e – attraverso la società di distribuzione Materiali Sonori – Giampiero Bigazzi, tre protagonisti di quel periodo oggi in primo piano nella diffusione a vario titolo della musica di qualità.

Tanti gli elementi di interesse di queste sette tracce. Innanzitutto la capacità di cogliere elementi importanti del passato, dalla psichedelia al progressive, rivestendoli di sensazioni moderne. Il trio chitarra-basso-batteria dilata le sonorità fino alle estreme possibilità consentite ma senza – ed è ciò a sorprendere – che si possa parlare di sperimentazione. E' rock nell'approccio con la canzone, ma è un rock che fa pensare grazie anche a testi (in italiano, altro elemento di grande interesse e non certo scontato) di grande impatto pur nella loro semplicità strutturale. Ci sono anche momenti più sereni, come Ancora un inverno, ma basta ascoltare Novembre, Non più parole e la lunga e finale Dall'esterno per rimanere senza fiato.
Lavoro vivamente consigliato. Non a caso gli Underfloor, oltre alla finale del Rock Contest del 2004, hanno vinto il Premio “Piero Ciampi” 2008 per la migliore cover di un brano del cantautore livornese, “Bambino mio”.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Underfloor & Ernesto de Pascale
  • Anno: 2008
  • Durata: 33:47
  • Etichetta: Suburban Sky/Materiali Sonori

Elenco delle tracce

01. La mia necessità
02. Ancora un inverno
03. Bianco
04. Novembre
05. Non più parole
06. Insensibile
07. Dall'esterno

Brani migliori

  1. Ancora un inverno
  2. Novembre
  3. Non più parole

Musicisti

Matteo Urro: voce, chitarre, piano rhodes, mellotron, synth e glockenspiel
Guido Melis
: basso
Lorenzo Desiati
: batteria

Fabrizio Orrigo
: pianoforte
Giulia Nuti
: clavicembalo, viola e arrangiamento archi
Antonio De Sarlo
: violino
Anton Horvath
: violino
Petru Horvath
: violoncello
Paola Maria
: cori
Simone Milli
: moog e synth
Gabriele Mori
: flauto
Francesco Magnelli
: piano rhodes