ultime notizie

Nuovo singolo de La Scelta, un ...

  Dopo due anni d’attesa dal loro ultimo lavoro, lo splendido Colore Alieno, ritorna il gruppo La Scelta, una delle formazioni più interessanti del nostro panorama musicale. Le aspettative erano ...

Zorama

Virus in fabula

Già dalla durata del disco, si capisce che in Virus in fabula c’è parecchia “carne” a cuocere. Difatti, il quarto album del cantautore porticese Zorama (al secolo Mariano Rongo Zora) non tradisce le aspettative mettendo a segno dodici tracce con un tiro molto alto, fortemente rock, in bilico tra progressive e psichedelia. C’è da aggiungere una considerazione importante: Zorama non scimmiotta né fa finta di essere un rocker, ma lo è nell’essenza, nel pensiero, nell’anima e dunque nell’espressione della sua musica. Le canzoni sono microcosmi intrisi di poetica suburbana ma allo stesso tempo di uno slancio vitale che le eleva consentendone interpretazioni multiple, non riconducibili al solo significato letterale ma a qualcosa che va oltre creando così un mondo allegorico ricco e sfaccettato, affascinante e intrigante, originale e personale. Difficile, oggi come oggi, trovare artisti che sappiano foggiare parole piene di rimandi, stratificate nel modo giusto, che vanno perfettamente a incastonarsi nella musica. Non è un caso se il talento del nostro – un po’ noir, un po’ alieno – è stato fiutato dalla Signora Anna Maria Mazzini, alias Mina, che ha inciso un suo brano, Il tuo arredamento, lanciandolo come secondo singolo del recente album Maeba

Tornando all’universo di Zorama, non si può restare indifferenti all’ascolto di pezzi come La fiera dei fieri e Munch, dove quel grido finale è un pugno nello stomaco che scuote e devasta, ma rende consapevoli che tutti – ma proprio tutti – siamo “in balia di un dolore feroce e atroce”. Un sentimento che pervade l’intero album, serpeggia di momento in momento, da Spari e altari a E quando troverò l’iperuranio…, dalla title track Virus in fabula alla conclusiva Dal sottobosco delle inquietudini. Un disco da suonare, che sarebbe bello ascoltare dal vivo per perdersi, ma sì anche per stordirsi, nelle introduzioni, negli intermezzi o nei finali duri e distorti, per gustare appieno la vocalità potente e versatile di Zorama, ma soprattutto per vivere e condividere l’esperienza di “vestirsi di luce e irradiare i declini con aurore boreali” e “per inondare di sole i ponti delle solitudini con anfore di umore”.  

 

1 commento

BarbaraTurici { 19/03/2019 )

Recensione che condivido in tantissimi punti. Ho conosciuto Zorama grazie a Mina ed al capolavoro da lui consegnato alla tigre di Cremona, Il tuo arredamento (a mio modesto avviso, tra le migliori canzoni di Mina degli ultimi trent'anni). Ho acquistato Virus in fabula ed è stata una scoperta nella scoperta, una vera e propria immersione in fondali musicali incredibilmente fascinosi ed emozionali. Zorana scrive e canta benissimo. Lo fa con intensità e con verità. Apre scenari incantevoli e lascia aperte le porte delle interpretazioni altrui. Io avrei citato anche la stupenda LA TRANSUMANZA, la sanguinante LIVIDI SUI PENSIERI e la meravigliosa perla che ha per titolo L'estensione, brano che ho saputo poi che è stato scritto per la figlioletta: non sfocia mai nella banalità pur estrapolando parole d'amore intense in bilico costante tra presente e futuro, giiie e dolori, emozioni e inquietudini. Abbiamo scoperto un grandissimo artista come pochi oggi in Italia.


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Zorama per UnderBrush Sound
  • Anno: 2018
  • Durata: 74:22
  • Etichetta: Blu Music International

Elenco delle tracce

01. La fiera dei fieri
02. Munch
03. Spari e altari
04. Lividi sui pensieri
05. E quando troverò l’iperuranio…
06. L’estensione
07. Io non muoio più (tranne il venerdì)
08. Motel Desolazione
09. Campi di soia (Made in China)
10. Virus in fabula
11. La transumanza
12. Dal sottobosco delle inquietudini

Brani migliori

  1. La fiera dei fieri
  2. Munch
  3. E quando troverò l’iperuranio…

Musicisti

Davide Ferrante: batteria - Corrado Calignano: basso - Andrea Palazzo: chitarre acustiche ed elettriche - Ciro Genno: tastieri, synth, piano, organo, programmazione - Zorama: voce, cori, piano, tastiere, synth, chitarre addizionali, effetti - Carmine Tammaro: organo (9) - Davide Matrisciano: synth (3, 12), effetti e sintetizzatori virtuali (10) - Saughelli: basso (6, 7), cori (6)