ultime notizie

Santi Scarcella Trio a Trieste il ...

Da Manhattan a Cefalù Cantautore, musicista e compositore, Santi Scarcella (siciliano di origine ma romano d'adozione), proporrà domenica 18 ottobre 2020 a Trieste il suo concerto jazz dal titolo ...

Mauro Ferrarese

Wounds, Wine & Words

La registrazione di questo album è stata fatta a casa dell'artista così come le fotografie della bella e sobria confezione in digipack del CD. “Wounds, wine and words” è il nuovo album del bluesman nostrano, Mauro Ferrarese, che con i precedenti quattro album ci aveva ben abituati. Ed anche questo lavoro non tradisce le attese: di propria produzione, suonato e cantato con il giusto pathos e l'adeguato feeling al fine di entrare nello spirito del blues acustico e rurale.

 

I brani che compongono l'album rappresentano una sorta di viaggio all'interno di un mondo che, ormai, esiste solo nei racconti di chi lo ha vissuto (sempre meno) e di chi continua ad immaginarlo. Certo, lo sappiamo che il blues, in Italia, non ha mai goduto di grandi folle e numeri di vendita e, salvo qualche eccezione che dura nel tempo (vedi la Treves Blues Band), non c'è molto da essere entusiasti. Ma Ferrarese è da anni in pista per raccontare storie antiche e moderne e come un novello Omero raccoglie ed inventa storie che ci riporta con le battute del blues.

 

Naturalmente estimatore dei padri del genere, Ferrarese non ha mai esitato a scrivere direttamente i suoi blues e “Wounds, wine & words” è l'esempio lampante e calzante del fatto che “la musica del diavolo”non è un residuo del passato ma uno strumento di comunicazione senza tempo da utilizzare al meglio, in cui porre storie di umane attività per trasformarle in poesia, malinconia, desiderio di riscatto.

 

In tutti i dodici i brani dell'album, nonostante siano suonati e cantati in solitudine, non traspare mai un momento di noia o di appannamento ma ognuno di essi rappresenta una situazione di vita in cui ritrovare le emozioni dell'artista ma, anche e soprattutto, le emozioni di chi ascoltando il blues ritrova il senso del quotidiano con i suoi sogni e le sue sconfitte. Insomma, il senso della vita che ti accoglie ogni giorno...

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Mauro Ferrarese
  • Anno: 2010
  • Durata: 42:53
  • Etichetta: Autoprodotto

Elenco delle tracce

01. Frontdoor blues

02. Soul train

03. She said

04. Blues partner

05. 1 thing

06. I can't

07. 26th April

08. GTR man

09. Heaven

10. We're all alive

11. Earthquake

12. Santo cielo

Brani migliori

  1. Frontdoor blues
  2. Heaven
  3. Earthquake

Musicisti

Mauro Ferrarese: chitarra acustica, dobro, tamburello, voce.   Ospiti:   Aronne Dell'Oro: voce in “1 thing” e “Santo cielo”