ultime notizie

Nuovo singolo de La Scelta, un ...

  Dopo due anni d’attesa dal loro ultimo lavoro, lo splendido Colore Alieno, ritorna il gruppo La Scelta, una delle formazioni più interessanti del nostro panorama musicale. Le aspettative erano ...

Zzolchestra

Zzolchestra

Partiamo con uno stralcio del ritratto che di se stessi ci offrono quei singolari personaggi che compongono Zzolchestra, definito un “progetto d’insieme che nasce dall’equanime e appassionato apporto di musicisti di diversa estrazione e collaborazioni (Mariposa, Orchestra Automatica, I Quattrocentocolpi, Moorder, Teatro delle Macerie, Le Tremende, Marco Parente, Beatrice Antolini, Samuel Katarro, Alessandro Grazian, I Germogli, ZZOLC e molti altri ancora). Il repertorio è costituito di brani originali ora evocativi, ora stralunati, non scevri da una sana vena garzonesca e “uccellatoria”. Il nome non si fa, ma è evidente che ad essere evocato è inequivocabilmente l’indimenticato Frank Zappa, referente piuttosto diretto di questa musica che si muove sul crinale fra un jazz per grosso organico di segno contemporaneo e certo post-rock progressivo. Innumerevoli momenti dell’album rimandano senza tema di smentite al genio di Baltimora. Il che, detto per inciso, è un complimento, non il contrario.

In un abile bilanciamento fra collettivi (comunque prevalenti) e spunti del singolo (per lo più in sinergia con altri), ci sono episodi sofficemente funkeggianti (tipo Pasta e fagioli), sibillini inserti testuali (Vanda, Romeo) solcati da un non-sense a sua volta di chiaro referente zappiano (come, più ancora, il rincorrersi/attorcigliarsi dei fiati, la timbrica d’insieme così fortemente segnata dal vibrafono, le impennate repentine, il moto costante, che non è solo ritmo, certe schitarrate, ecc.), mentre un insolito aplomb (a tratti quasi solenne) attraversa l’iniziale Il segreto valzer di Alessia e, più avanti, Lejos.

Insomma: un album che non annoia di certo (qualche soluzione tende un po’ a ripetersi, è vero, ma si tratta in definitiva di un marchio di fabbrica che si ripropone). Aspettiamo quindi gli undici “zzolchestrali” (tutti di area bolognese) a un’ulteriore prova (del nove?). Di dischi del genere, sia quel che sia, possiamo dire fin d’ora che c’è un gran bisogno.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Zzolchestra
  • Anno: 2011
  • Durata: 54:53
  • Etichetta: Trovarobato

Elenco delle tracce

01. Il segreto valzer di Alessia

02. Seicinque

03. Alblues

04. Pasta e fagioli

05. Somaro

06. Framartime

07. Vanda

08. Lejos

09. Romeo

Brani migliori

  1. Seicinque
  2. Somaro
  3. Romeo

Musicisti

Alberto Polese: cornetta Andrea Rigatti: sax alto Elena Maestrini: sax alto e soprano Giovanni Gonano: sax tenore Massimiliano Gollini: sax baritono Antonio Sodano: vibrafono Paolo Bottacin: wurtlitzer, piano Alberto Danielli: chitarra, tuba Valerio Canè: theremin, contrabbasso, basso elettrico Giambattista Tornielli: basso elettrico, violoncello, voce Enzo Cimino: batteria di custodie, percussioni