ultime notizie

Giulio Casale: “Inexorable”, nuovo disco in ...

Conferenza stampa di presentazione "Inexorable", 4 dicembre, Circolo Culturale La Corte dei Miracoli – Milano. di Giuseppe Verrini Inesorabile Casale. Ancora, più forte di prima, torna la voglia di raccontare di ...

Sinacria Symphony

È con estremo piacere che Cantare la voce dà spazio ai vincitori del concorso Solevoci 2012 di Varese. Non solo perché è una formazione italiana ad avere ottenuto la vittoria, ma anche perché è formata da elementi giovanissimi con un'età media di 20 anni. I Sinacria Symphony, provenienti dalla Sicilia, si sono imposti all'attenzione della giuria per la loro freschezza vocale e la presenza scenica. Quale migliore occasione, dopo averli visti dal vivo, di poter parlare con loro? E di sentirli rispondere quasi all'unisono tutti e sei?

Avete dimostrato un ottimo affiatamento, da quando vi conoscete?

La nostra conoscenza (almeno per cinque di noi) risale all’infanzia, quando a 6 o 7 anni facevamo parte del coro delle voci bianche del Teatro Massimo di Palermo, in poche parole ci frequentiamo da sempre.

 

Nella vostra storia c'è anche una partecipazione a X Factor, qual è stato il motivo di questa decisione?

Ad ottobre del 2008 dopo aver vinto 2 premi in alcuni concorsi musicali (quello della critica “Lucio Battisti” al concorso Roccella Festival, con la presenza in giuria di Mogol, e un altro della critica alla prima edizione del Memorial Filippo Alotta) abbiamo provato con grande entusiasmo a fare il provino e inaspettatamente abbiamo superato tutte le selezioni, fino ad arrivare alla prima puntata. Quindi siamo stati scelti e presentati tra i 4 gruppi titolari capitanati da Mara Maionchi. Eravamo emozionantissimi e pronti ad affrontare tutto, ma l’incantesimo si è infranto subito, grazie anche al contributo di chi ci ha vestiti….Ma l’importante era tenere duro e guardare avanti, e così è stato.

 

Come scegliete i brani da eseguire e a quale genere vi sentite legati?

Il nostro repertorio è vasto, facciamo dal gospel al musical al pop, dal Quartetto Cetra a Raffaella Carrà…. C'è una produzione che ci segue e in base ai contesti delle performance che andiamo ad affrontare prepariamo cose nuove o spolveriamo qualcosa di già "digerito". Il genere che più ci accomuna comunque è quello delle musiche dei cartoon, i brani dei film animati Disney sono sicuramente i nostri preferiti. Tuttavia non temiamo la sfida, continuiamo a crescere; singolarmente ognuno di noi fa il proprio percorso di studio con l’insegnante di canto che ci segue. ovvero Marcello Iozzia. Anche lui lo conosciamo fin dai tempi del coro delle voci bianche e collettivamente proviamo i brani da montare sempre con il nostro paziente maestro.

 

Riuscite a esibirvi con regolarità, a partire per esempio dalla vostra regione?

Come gruppo a cappella, in Sicilia non c’è una grande cultura per questo tipo di repertorio perciò le nostre esibizioni sono miste. Una parte di esse la facciamo con base e quando è possibile, con una band strumentale. Comunque solitamente riusciamo a fare i nostri 5 /6 spettacoli nell’arco di un anno, senza contare i vari provini, concorsi e partecipazioni a feste private.

 

Infine l'esperienza di Solevoci: come avete deciso di partecipare e come è stata la sensazione della vittoria?

La nostra produzione ci ha voluto mettere alla prova. In realtà avevamo già partecipato nel 2010 e nell’insieme non è andata affatto male, il nostro bravo diploma Silver l’abbiamo conquistato e tra l’altro due anni fa ci siamo scontrati con gruppi veramente molto forti. Nel frattempo a maggio del 2011 è andato via uno dei sei componenti ed è arrivato Antonino Di Marco che in pochissimo tempo ha imparato metà repertorio, così a febbraio di quest’anno abbiamo scelto il programma da portare. L’abbiamo studiato... ed eccoci qua, con il diploma Gold, il miglior punteggio, il premio per la miglior voce solista e una menzione speciale come miglior basso del festival. La sensazione è stata veramente piacevole! E poi è sempre una bella esperienza vincere un premio. Significa che siamo riusciti a coinvolgere il pubblico e con il pubblico una giuria attenta che si è trovata davanti ad una scelta difficile.      

Le foto di Solevoci © Diego Liziero  

 

Sinacria Symphony  

Chiara Molinelli: soprano

Emanuela Sala: soprano (premio miglior solista )

Marzia Molinelli: contralto

Nicolò Giuliano: tenore

Antonino Di Marco: tenore

Roberto Molinelli: basso (menzione miglior basso)  

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento