ultime notizie

Note Alte – sette chiavi di lettura ...

È da poco uscito ‘Note Alte – sette chiavi di lettura tra Musica e Dio’, primo libro di Ricky Barone, giornalista per passione prima che per professione e da molti attivo nella ...

Kalweit and the Spokes @ Triennale 05/03/2010 : “Ice Man in his First Music Bubble Bath”

Showcase all'interno di una bolla gonfiabile, presso il Salone d'onore della Triennale

 

 

Kalweit and the Spokes sanno come inaugurare un tour. Non vanno per il sottile, scelgono un sogno surreale e dilatato come una bolla gonfiabile e con quella decidono di atterrare niente meno che alla Triennale di Milano. Loro, i viaggiatori per eccellenza, che con il loro debutto hanno tentato l’insolito connubio tra “i colori  gli odori della terra del Salento con i deserti dell’American South West”, sono atterrati in terra meneghina.

 

 

 Qui incantano il pubblico, fatto di fan, giornalisti felicemente impreparati all’evento e persino bambini e famiglie danzanti intorno a Georgeanne Kalweit. La cantante di Minneapolis con movenze teatrali e suggestioni oniriche sa trascinare la folla seduta ai suoi piedi, mentre Leziero Rescigno e Giovanni Caiella tessono sapientemente alle sue spalle quelle sonorità così inconfondibili tra il post-punk più gotico, l’old school blues e il folk più avvelenato.

 

Da dentro una bolla, che gonfiata per l’occasione anima di ombre colorate le pareti superbe di Giovanni Muzio, va in scena una favola che attinge a pulsioni cinematiche, dall’omaggio alla diva del cinema muto Clara Bow fino all’eloquente “New York Movie”, ispirata alle opere di Edward Hopper, di cui una Kalweit in trance mostra alcuni dipinti, inginocchiata verso di noi.

Chiude il climax d’atmosfera il singolo appena lanciato che ha dato il nome all’evento, “Ice Man”, stralunato ed epico inno new wave dedicato a Ötzi, l’uomo che fu trovato nel ghiaccio dopo più di 5.000 anni sulle Alpi Venoste nel 1991. Un gruppo che non dà niente per scontato nelle proprie performance sensoriali, dalla scenografia rallentata e trasognata alla suggestiva copertina realizzata dalla stessa Kalweit.

Uno showcase intimo e unico, preludio di un tour che si preannuncia memorabile.

 

Share |

1 commento

Francesco Facconi { 08/03/2010 )

Ciao! Ma come mai nei link c'è il nome di un redattore?! Comunque, bella recensione, complimenti!


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento