ultime notizie

Nuovo singolo de La Scelta, un ...

  Dopo due anni d’attesa dal loro ultimo lavoro, lo splendido Colore Alieno, ritorna il gruppo La Scelta, una delle formazioni più interessanti del nostro panorama musicale. Le aspettative erano ...

Roberto Marino

Trasparenze

Ci vuole anche un pizzico di incoscienza, oggi, per pubblicare un album di solo pianoforte. Non parliamo in questo caso di doti tecniche, di qualità interpretative, di capacità di trasmettere emozioni, sensazioni…

No, il motivo, assai meno “alto” come livello di valutazione, è il fatto che da qualche anno il pianista solista è diventato, nell’immaginario di molti, una specie di rock star, un musicista che, emendatosi dai vincoli della “stretta osservanza” classica, si incarica di porgere all’ascoltatore meno ortodosso una qualche infarinatura classica. Non sta a noi valutare se questo approccio sia o meno realmente funzionale a far si che il grande pubblico si avvicini alla musica classica, ma, certo, occorre capire quali siano le caratteristiche di una specifica proposta pianistica.

Roberto Marino, pianista salernitano dallo stile classico e ricco di venature romantiche, prova a sfatare molti luoghi comuni, proponendo nove composizioni originali che vanno a comporre Trasparenze. L’album, nella sua omogeneità, è ricco di inventiva: le melodie non si ripetono, ma, brano dopo brano, trovano sempre soluzioni originali, improvvisi crescendo e momenti di maggiore abbandono.

Si può certamente affermare che la proposta musicale non mira assolutamente a stupire, non utilizza virtuosismi ad effetto per colpire l’attenzione dell’ascoltatore: in realtà, appare più evidente il tentativo di accompagnarlo in un percorso sensoriale, stimolarne la sensibilità, risvegliarne gli stati d’animo, proponendogli una sorta di tavolozza da cui trarre colori ed ispirazione.

Così facendo, Marino non suggerisce delle mete, non tratteggia paesaggi né caratterizza situazioni specifiche, ma offre spunti che permettono a coloro che ascoltano di crearsi, autonomamente, un percorso proprio, regala colori “sciolti”, lasciando libertà di interpretazione, di “tratto”.

Un album che mira, dunque, all’emotività, alla percezione, che incanta per la limpidezza delle composizioni e trasmette una sottile e duratura piacevolezza nell’ascolto.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Gabriele Rampino, Bungaro, Alberto Zeppieri
  • Anno: 2010
  • Durata: 39:14
  • Etichetta: Dodicilune

Elenco delle tracce

01. Dalla fine

02. TraSperanze

03. LeggeraMente

04. L’ultimo sguardo

05. Il finestrino

06. DistrattinegliOcchiNuvole

07. SciVolando

08. L’erba sottile

09. Cafe Rivoire

Brani migliori

  1. LeggeraMente
  2. SciVolando
  3. Cafe Rivoire

Musicisti

Roberto Marino: piano