ultime notizie

Apre il 19 luglio Suoni di ...

A Treviso concerti gratuiti per tutti i gusti sulle antiche mura della città. Dal 19 luglio al 5 agosto a Treviso torna Suoni di Marca, che quest’anno giunge alla ...

Ultimo atto della 15ª edizione del Premio organizzato da L’Isola. Nella sezione Strumentale vincono Antonello Fiamma e Francesco Del Prete

Gabriella Martinelli vince ‘L’Artista che non c’era’ 2018

La vittoria, tiratissima, decretata da una giura di 40 tra artisti e addetti ai lavori.

 

L’Artista che non c’era 2018 è Gabriella Martinelli

Questa era la 15esima edizione. Siamo adolescenti, L’Artista che non c’era è adolescente. E dell’adolescenza ci portiamo dentro l’irruenza, la bellezza, l’assoluta certezza di quello che vogliamo e di quello che non vogliamo, la sensazione a volte di sentirci in bilico verso qualcosa che scrutiamo all’orizzonte ma ben ancorati a terra, un po’ di timore verso il nuovo ma insieme la voglia di scoprire dove quel nuovo ci può portare e tutta la passione possibile, pulita e sincera, per scoprirlo.

“È stata una giornata lunga e meravigliosa quella di ieri. Un’occasione speciale per rincontrare amici e conoscere gente nuova. L’Isola che non c’era è una realtà attenta a chi vive di musica e sono felice di aver preso parte alla grande festa de L’Artista che non c’era. Io e i miei due musicisti, Paolo Mazziotti e Andrea Jannicola, ci portiamo a casa un premio preziosissimo: un tour di concerti per l’Italia con il Bando Promozione del Nuovo Imaie e questo ci rende doppiamente felici, tutto quello che vogliamo è suonare, suonare, viaggiare, incontrarvi e suonare ancora” (Gabriella Martinelli, vincitrice L’Artista che non c’era 2018).

Prendiamo a prestito le parole della vincitrice di questa edizione per ringraziare, senza frasi di circostanza, quelli che hanno reso davvero questa una occasione speciale, un’occasione che ha messo davanti a circa 50 giurati, professionisti in vari ambiti musicali, dieci talenti differenti con dieci proposte personali ed uniche. Il tutto impreziosito dalla casa che anche quest’anno ci ha accolto, il CPM Music Institute di Franco Mussida (qui nella foto mentre consegna gli attestati ai due vincitori della sez. Strumentale, il chitarrista Antonello Fiamma e il violinista Francesco Del Prete)

Questa perfetta amalgama ha dato vita ad un pomeriggio, quello di venerdì 29 giugno, assolutamente unico nel settore dei Premi musicali: un’occasione di incontro, al di là (o meglio, al di sopra) della gara, tra operatori musicali e artisti, vero fulcro del nostro concorso.  

Quindi grazie alla Giuria presente al CPM: Adriani Enzo (Ass. ‘Minuetto – Mimì sarà’), Antinori Arianna (artista ed ex-vincitrice), Boi Alberto (Advice Music), Bonato David (Davvero Comunicazione, Vrec Music Label), Brandoni Reno (artista ed ex-vincitore), Carrieri Massimo (pianista, direttore d’orchestra), Colajanni Carmelo (artista), Colucci Memo (Memo Restaurant Music Live), Cordini Giorgio (artista), Corioni Lucilla (Ediz. Musicali Long Digital Playing), Crimi Giorgia (esperta in diritto d’autore), Diana Fabio (Bonaventura Musica Club), Di Dio Osvaldo (artista), Farina Paolo (Musicalnews.it), Ferrario Davide (artista), Follieri Leonardo (JamTV), Frittoli Daniela (L’Amaca Scuola di Musica), Giazzi Guido (Buscadero), Grandi Davide (AZ Blues Agency), Iafelice Paolo (Adesiva Discografica), Laino Antonio (ProSyncro, Cafe Concerto), Lupi Walter (artista), Negro Marco (Astarte Agency), Nobis Luca (artista, direttore corsi CPM), Paganelli Mimmo (operatore musicale), Peligro (artista), Pierro Alex (freelance, conduttore radiofonico), Pirotta Max (operatore culturale), Prada Anna (Il Circolone di Legnano), Priorato Cinque Roberto (Il Serraglio Milano), Reyes Gloria (Uff.Stampa GPC), Robustelli Guido (comunicazione musicale), Rustici Luca (artista, L’n’R Productions), Testa Gianni (vocal coach), Trambusti Luca (Musica dal Palco), Vecchio Rita (Il Messaggero), Vismara Raffaella (fotografa, La Palestra del Cantautore), Zigiotto Dario (CCM Comunicazione per le Culture e le Musiche), Zuppini Andrea (Art&Musica Milano), Zuretti Gianni (Mescalina.it).

E un ringraziamento sentito va ai finalisti, per il loro tempo, le proposte che hanno portato sul palco, per gli sguardi emozionati al ricevere i complimenti, per le belle parole che hanno speso per noi nei giorni successivi alla finale, per averci fatto entrare nella loro arte, per averci creduto degni della loro fiducia: (in ordine di uscita sul palco) Filippo Andreani, Andrea Gioia, Gabriella Martinelli, Giulio Wilson, Kumi & the Triumph of Love, Simone Cicconi, Lorenzo Cittadini, Massimo Marches, Paola Rossato, ZoniDuo.

L’Artista che non c’era è un viaggio lungo circa cinque mesi, e di questo viaggio la serata finale non è che l’approdo, dove finalmente si scende a terra, si festeggia, e si brinda. La partenza, il varo della nave, e il mare aperto dei mesi precedenti è fatto di incontri, discussioni, ascolti (tanti ascolti), lavoro, organizzazione, da parte di un gruppo di persone, forse totalmente folli, che credono ancora che la buona musica, la canzone di qualità, debba avere palchi, pubblico, spazio e voce in questo Paese.
L’ultimo grazie va perciò, di dovere, ai collaboratori de L’Isola che non c’era e al loro capitano, Francesco Paracchini, che insieme alla Redazione ha portato in porto (un ‘porto’ sempre aperto qui sull’Isola…) anche questa edizione.

Ps. Sulle pagine facebook dell’Isola e del concorso nei prossimi giorni foto e video della finale (a cura di Valeria Bissacco e Giuseppe Verrini).

-----------------------------------------   

fb L’Isola che non c’era

fb L’Artista che non c’era

fb Gabriella Martinelli


Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento