ultime notizie

Alice: il suo Viaggio in Italia ...

La cantautrice terrà a ottobre una serie di concerti in terra tedesca Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE MicrosoftInternetExplorer4 /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size ...

Beppe Chierici

La cattiva erba

Tanto tempo fa.

C’è un uomo che, nel pieno dell’Africa equatoriale, ogni sera, alla luce di una lampada a petrolio, su un gracchiante giradischi a pile, mette su un disco di Georges Brassens. Non c’è posto migliore, vien da pensare, per oltrepassare la propria personalissima linea d’ombra, e per farlo non c’è Maestro (e amico) migliore di Georges Brassens. Quell’uomo di cui sopra è Beppe Chierici (nella foto a sinistra proprio con Brassens), singolare figura di attore, autore, cantante, ricercatore popolare, traduttore e domatore di fiumi (verrebbe da ipotizzare). Al suo Maestro, Beppe è stato così fedele negli anni da dedicargli un bel pezzo della sua vita, privata e artistica, a cominciare da due dischi negli anni ’70 (in particolare consigliabilissimo il secondo, Storie di gente per male, un album notevole anche per l’inventiva degli arrangiamenti: un capolavoro sconosciuto, e fuori catalogo da anni, della nostra canzone).

Beppe Chierici di Tonton Georges, era poi diventato amico (a differenza di un De André che rifiutò sempre di incontrare il proprio mito) e quando la morte si portò via Brassens, nel 1981, per anni si rifiutò di cantarlo in pubblico e di esibirsi nella specialità tutta italiana del salto in lungo sulla bara del morto (copyright by Pasquale Panella about “dopo-Battisti”). Tanto lo amava. E tanto lo ama da tornare sopra ai suoi passi e regalarci oggi un’opera che è una summa della sua fede brassensiana, e un autentico gioiello per le orecchie e per gli occhi di chi continua a voler bene a quell’orso francese che da una fatiscente abitazione in un vicolo di Parigi ha, senza volerlo, insegnato il senso delle cose a milioni di persone.

La cattiva erba, il libro/Cd frutto delle cinquantennale fatica di Beppe Chierici, si presenta, fin dalla rilegatura ad anelli, come un lavoro di ottimo artigianato, ma attenzione, la cura grafica (dalle belle illustrazioni a colori di Dario Faggella ai materiali fotografici d’archivio, fin alla qualità della stampa), è di primissimo livello. Aprirlo è entrare in un mondo che ha, per fortuna, altre regole dell’odierno. Nelle quasi 200 pagine di grande formato A4 troverete un’ampia parte introduttiva ad opera di Margherita Zorzi e dello stesso autore, ricca di aspetti “tecnici” (Chierici è un talebano di una traduzione fedele alle rime, alla metrica e perfino al metronomo dell’originale) e di gustosi aneddoti. E poi 86 testi di Brassens, riprodotti con a fianco la traduzione di Chierici, un lavoro certosino e devoto degno della vostra (doppia) ammirazione.

Nel frattempo avrete messo nel vostro stereo, molto meno equatoriale e gracchiante di quello da cui siamo partiti, uno dei due CD che corredano l’opera, e attorno a voi starà scorrendo una delle ben 40 canzoni tradotte e cantate da Chierici con l’aiuto prezioso dell’arrangiatore/esecutore latino-americano Carlos Ernesto Moscoso Thompson che bascula tra una certa fedeltà stilistica all’originale e qualche azzardo. Beppe non ama le cose facili: nessuna di queste canzoni era già presente in quei due introvabili album dei ’70 (e in un altro più recente, ma ugualmente sfuggevole, Lp del 2008). E se qualche volta la voce di Beppe s’incrina (cinquant’anni di servizio brassensiano non sono uno scherzo), se la scelta di massima adesione alla rima costringe talvolta a acrobazie lessicali e sintattiche o a troncamenti che possono lasciare un po’ perplessi, eppure lo stile e l’inconfondibile “grana” della sua voce sono ancora un incanto. Certe canzoni (Il re degli stronzi, Il cornuto, Sotto la mia quercia, La guerra 14/18...)svettano sopra alle altre,ma qui e altrove temo che il vostro recensore sia stato facile preda delle sue personali passioni: vedersi tradotti e cantati per la prima volta in italiano brani commoventi come Les 4 bacheliers o Bonhomme è un’emozione che rinuncio a dire.

Il libro/CD è acquistabile al prezzo di 25 euro (+ 10 euro di spedizione) presso lo stesso autore, a questo link: http://www.beppechierici.it/w/shop/

 

 

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Artista: Beppe Chierici
  • Editore: Amici Miei Editrice
  • Pagine: 180
  • Anno: 2013
  • Prezzo: 25.00 €

Altri articoli di Andrea Caponeri