ultime notizie

Venerdì 1 Marzo a Buccinasco la ...

Ce l’avevo quasi fatta, l’ultimo lavoro discografico degli Alti & Bassi (clicca qui per la recensione) esce ufficialmente nei negozi e sulle piattaforme digitali il 22 febbraio, dopo un ...

Beppe Chierici

La cattiva erba

Tanto tempo fa.

C’è un uomo che, nel pieno dell’Africa equatoriale, ogni sera, alla luce di una lampada a petrolio, su un gracchiante giradischi a pile, mette su un disco di Georges Brassens. Non c’è posto migliore, vien da pensare, per oltrepassare la propria personalissima linea d’ombra, e per farlo non c’è Maestro (e amico) migliore di Georges Brassens. Quell’uomo di cui sopra è Beppe Chierici (nella foto a sinistra proprio con Brassens), singolare figura di attore, autore, cantante, ricercatore popolare, traduttore e domatore di fiumi (verrebbe da ipotizzare). Al suo Maestro, Beppe è stato così fedele negli anni da dedicargli un bel pezzo della sua vita, privata e artistica, a cominciare da due dischi negli anni ’70 (in particolare consigliabilissimo il secondo, Storie di gente per male, un album notevole anche per l’inventiva degli arrangiamenti: un capolavoro sconosciuto, e fuori catalogo da anni, della nostra canzone).

Beppe Chierici di Tonton Georges, era poi diventato amico (a differenza di un De André che rifiutò sempre di incontrare il proprio mito) e quando la morte si portò via Brassens, nel 1981, per anni si rifiutò di cantarlo in pubblico e di esibirsi nella specialità tutta italiana del salto in lungo sulla bara del morto (copyright by Pasquale Panella about “dopo-Battisti”). Tanto lo amava. E tanto lo ama da tornare sopra ai suoi passi e regalarci oggi un’opera che è una summa della sua fede brassensiana, e un autentico gioiello per le orecchie e per gli occhi di chi continua a voler bene a quell’orso francese che da una fatiscente abitazione in un vicolo di Parigi ha, senza volerlo, insegnato il senso delle cose a milioni di persone.

La cattiva erba, il libro/Cd frutto delle cinquantennale fatica di Beppe Chierici, si presenta, fin dalla rilegatura ad anelli, come un lavoro di ottimo artigianato, ma attenzione, la cura grafica (dalle belle illustrazioni a colori di Dario Faggella ai materiali fotografici d’archivio, fin alla qualità della stampa), è di primissimo livello. Aprirlo è entrare in un mondo che ha, per fortuna, altre regole dell’odierno. Nelle quasi 200 pagine di grande formato A4 troverete un’ampia parte introduttiva ad opera di Margherita Zorzi e dello stesso autore, ricca di aspetti “tecnici” (Chierici è un talebano di una traduzione fedele alle rime, alla metrica e perfino al metronomo dell’originale) e di gustosi aneddoti. E poi 86 testi di Brassens, riprodotti con a fianco la traduzione di Chierici, un lavoro certosino e devoto degno della vostra (doppia) ammirazione.

Nel frattempo avrete messo nel vostro stereo, molto meno equatoriale e gracchiante di quello da cui siamo partiti, uno dei due CD che corredano l’opera, e attorno a voi starà scorrendo una delle ben 40 canzoni tradotte e cantate da Chierici con l’aiuto prezioso dell’arrangiatore/esecutore latino-americano Carlos Ernesto Moscoso Thompson che bascula tra una certa fedeltà stilistica all’originale e qualche azzardo. Beppe non ama le cose facili: nessuna di queste canzoni era già presente in quei due introvabili album dei ’70 (e in un altro più recente, ma ugualmente sfuggevole, Lp del 2008). E se qualche volta la voce di Beppe s’incrina (cinquant’anni di servizio brassensiano non sono uno scherzo), se la scelta di massima adesione alla rima costringe talvolta a acrobazie lessicali e sintattiche o a troncamenti che possono lasciare un po’ perplessi, eppure lo stile e l’inconfondibile “grana” della sua voce sono ancora un incanto. Certe canzoni (Il re degli stronzi, Il cornuto, Sotto la mia quercia, La guerra 14/18...)svettano sopra alle altre,ma qui e altrove temo che il vostro recensore sia stato facile preda delle sue personali passioni: vedersi tradotti e cantati per la prima volta in italiano brani commoventi come Les 4 bacheliers o Bonhomme è un’emozione che rinuncio a dire.

Il libro/CD è acquistabile al prezzo di 25 euro (+ 10 euro di spedizione) presso lo stesso autore, a questo link: http://www.beppechierici.it/w/shop/

 

 

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Artista: Beppe Chierici
  • Editore: Amici Miei Editrice
  • Pagine: 180
  • Anno: 2013
  • Prezzo: 25.00 €

Altri articoli di Andrea Caponeri