ultime notizie

09 aprile: a Castel Mella (BS ...

    Martedì 9 Aprile 2024 ore 21 – Castel Mella (Bs)      -      Auditorium Giorgio Gaber - via Onzato, 56                                                        POVIA LIVE - "MI HAI SALVATO LA VITA TOUR di Ricky Barone Il percorso artistico di ...

Petrina

In doma

In doma, fin dal titolo, sembra voler inseguire una vocazione di liberazione da etichette o incasellamenti predigeriti, da riti convenzionali e modaioli, per proporre un’alternativa “viva”, non mediata o “addomesticata”, per restituirci nel breve lasso di un disco una poesia e una verità che tonnellate di sovracostruzioni e corruzioni musicali, artistico-commerciali e sociali hanno sotterrato.

Barbara Petrina - è evidente anche solo sfogliando il booklet - è un’artista dalle risorse praticamente illimitate: cantante precisa e di talento, polistrumentista (buona parte del disco è suonata da lei medesima, che si è occupata anche di arrangiamenti e produzione), sperimentatrice del corpo, in bilico tra teatro e danza. Questa potenzialità espressiva è tutta canalizzata in una “decostruzione coerente” dei linguaggi, inteso sia come idioma, oggetto di gioco e mescolamento, che come forma musicale, frullata e rimontata nei generi e nella struttura canzone.

Infatti, le dieci canzoni di questo In doma sono tutte piccole suite, sfuggenti e avventurose anche quando apparentemente semplici. Ci accoglie l’acquerello per organetta e voce di Babel Bee, per poi lasciarci all’inafferrabile frenesia di A ce soir, ibrido incerto di ritmiche quasi trip-pop e refrain surf, e alla pazzia di She-Shoe, sorta di mini-autobiografia di scena, di invito ad abbandonarsi questa continua frantumazione e ricostruzione testuale. Fuori Stagione suona come una ballata impura, coniugazione in chiave “petroniana” del cantautorato italiano, SMS zompa divertita dalla filastrocca zoppicante all’impazzito ritornello-mantra in ungherese, Notte Usata si lancia verso una metamorfosi continua, guidata da un testo che sembra costruito per libera associazione, mentre il felpato jazz da piano bar di Pool Story dilata una macabra storia d’infanzia, resa ancor più inquietante da parentesi frenetiche.

Il disco chiude con la sospesa Ghost Track, una lunga immagine in assenza di percezione, seguita, quasi a creare un ossimoro, dal giocoso funky-progressive di Asteròide 482 (meteorite realmente esistente, e, “causalmente”, battezzato “Petrina”), e Sounds-Like, quasi un poliedrico manifesto d’intenzioni artistiche – e con qualche riconoscibile ammiccamento autobiografico.

In doma è la concretizzazione di una volontà artistica forte, che rende delizioso lo spaziare in così tanti generi e linguaggi proprio grazie all’indiscutibile maestria tecnica. Ma tanta debordante inventiva è offuscata dalla sfuggevolezza di questo decostruzionismo. Insomma, In doma è un disco elitario, volontariamente sofisticato, “difficile”, ma dal retrogusto autoreferenziale, di “sperimentazione per la sperimentazione” e non per la “comunicazione”, un corto circuito di talento e idee.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Barbara Petrina
  • Anno: 2009
  • Durata: 47:04
  • Etichetta: Autoprodotto

Elenco delle tracce

01. Babel Bee

02. A Ce Soir

03. She-Shoe

04. Fuori Stagione

05. SMS

06. Notte Usata

07. Pool Story

08. Ghost Track

09. Asteròide 482

10. Sounds-like

Brani migliori

  1. A ce soir
  2. SMS
  3. Pool Story

Musicisti

Petrina: voce, organetta, piano, Rhodes, tastiere, toy piano Alessandro Fedrigo: basso acustico, basso elettrico, voce Gianni Bertoncini: batteria, voce, stylophone.
Emir Bijukic: musica aggiuntiva in 05, krakdoo in 07. Elliott Sharp: chitarre in 07. Amy Kohn: accordions in in 08. Ascanio Celestini: annuncio radiofonico in 09.