ultime notizie

Un’altra Italia, nuovo singolo di ...

L’artista è colui che riesce a esprimere attraverso la sua opera pensieri, emozioni, sentimenti che appartengono a tutti e in cui ognuno può riconoscersi. Una volta c’erano gli intellettuali ...

Fausto Ferraiuolo Trio

Il dono

Quando si riceve un dono, secondo la teoria di Marcel Mauss, è necessario metterlo in circolo soddisfacendo il principio della reciprocità. Dare, ricevere e ricambiare sono tre facce della stessa medaglia che si realizzano solo nella relazione, o meglio, nell’incontro con un altro io. Ora, senza voler scomodare troppo l’antropologo e sociologo francese, questa idea è pienamente abbracciata dal musicista napoletano Fausto Ferraiuolo e riversata con generosità nella creazione della sua musica. Il dono è il titolo emblematico del nuovo lavoro, condiviso con il contrabbassista Aldo Vigorito e il batterista statunitense Jeff Ballard, due figure importanti nel suo percorso artistico, insieme a cui ha dato vita a un bel capitolo di “benessere” sonoro ed emozionale. 

Il flusso musicale scorre libero e dinamico per l’intero disco, mettendo in risalto ognuna delle tre essenze coinvolte in uno scambio reciproco (è bello chiamarlo così piuttosto che asetticamente interplay) di grande intesa e intensità, dove la componente ritmica è alquanto accesa ma anche quella melodica si difende bene, ad esempio in 4 Septembre o Even The Score. Il piano di Ferraiuolo è abile nel tinteggiare atmosfere diverse che vanno dal calore di Fire Island al brio di Baires, fino a intrufolarsi in un angolo della parigina Rue de la Vega o a teletrasportarsi oltreoceano con Astavo Blues. Due gli episodi in cui le tre forze creative si uniscono nella composizione di O impro mio e Improtune. Non ultimo sgorga in modo naturale il sentimento della gratitudine verso i maestri (George Gershwin omaggiato in Somebody Love Me), verso la vita, verso le persone importanti che ne fanno parte. Conscio di aver ricevuto un talento speciale, Ferraiuolo lo elargisce attraverso il dono prezioso della musica che gli invade l’anima.

 

 

 

 

 

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Fausto Ferraiuolo
  • Anno: 2019
  • Durata: 58:90
  • Etichetta: Abeat Records

Elenco delle tracce

 

01. Fire Island
02. Three
03. Rue de la Vega
04. O impro mio
05. 4 Septembre
06. Astavo Blues
07. C’est tout
08. Baires
09. Even The Scor
10. Improtune
11. Somebody Loves Me

Brani migliori

  1. Rue de la Vega
  2. 4 Septembre
  3. Baires

Musicisti

Fausto Ferraiuolo: pianoforte - Aldo Vigorito: contrabbasso - Jeff Ballard: batteria