ultime notizie

09 aprile: a Castel Mella (BS ...

    Martedì 9 Aprile 2024 ore 21 – Castel Mella (Bs)      -      Auditorium Giorgio Gaber - via Onzato, 56                                                        POVIA LIVE - "MI HAI SALVATO LA VITA TOUR di Ricky Barone Il percorso artistico di ...

Paolo Farina ha ricevuto il Premio Nazionale “Salva la tua lingua locale”.

 

Nel nostro Paese sono molte le manifestazioni musicali che si concentrano su un tema specifico al fine di promuoverne la conoscenza da parte di un pubblico, si spera, più ampio di quello che già segue quella determinata vena artistica. Tra i vari vogliamo ricordare il Premio Nazionale ‘Salva la tua lingua locale’ organizzata dall’Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia (UNPLI, che raccoglie, ovviamente notevoli adesioni in ogni regione) e da Autonomie Locali Italiane (ALI). Queste due realtà presenti nei più disparati territori del nostro Paese, presiedono e conferiscono il più autorevole premio letterario dedicato ai dialetti (presidente onorario è il prof. Giovanni Solimine, succeduto al prof. Tullio De Mauro), nello sforzo di mantenere vivo il patrimonio delle lingue locali di cui è composto il nostro Paese. Un patrimonio, come immaginabile, sempre più in pericolo di estinzione.

Paolo Farina, musicista pugliese ma da molti decenni di stanza a Milano, ha nel suo dna artistico più “anime”, da quella cantautorale a quella più legata al blues fino a quella progressive, un mix che gli ha permesso di cimentarsi e di produrre un buon numero di album. Ma la sua forza comunicativa, il suo punto di forza, possiamo rintracciarlo quando compone canzoni “in dialetto”. Ne parliamo perché Farina si è classificato secondo nella sezione ‘Musica’ nel Premio citato in apertura (in alto un momento delle premiazioni, che oltre alla sezione Musica vede consegnare i riconosciumenti per la prosa e la poesia), ricevendo il relativo riconoscimento da Antonino La Spina, presidente nazionale del’UNPLI e Toni Cosenza, presidente della Giuria, sez. Musica. La premiazione è avvenuta lo scorso 7 dicembre nella Sala Protomoteca del Campidoglio a Roma.

I cinque brani che hanno partecipato alla selezione premiata sono tratti dal secondo album di Etnoritmo, progetto di canzoni e sonorità legate alla cultura pugliese - nome che Farina utilizza quando si muove nei territori musicali dialettali - “Dall'acustico all'elettrico", album (qui nella foto) pubblicato nel 2010 dall'etichetta discografica Galletti/Boston. Un ottimo risultato questo secondo posto per il musicista pugliese, che lo ripaga di tanti sacrifici fatti in questi anni per tenere insieme le varie anime che si muovono nel suo immaginare e produrre musica.

 

Di seguito la classifica dei vincitori della sezione musica del premio:
1° Claudio Mazzer (friulano)
2° Paolo Farina (pugliese – dialetto di Castellana Grotte BA)
3° Cinzia Capizzi e Carmelo Scavuzzo (siciliano)

Per maggiori dettagli sul Premio:
https://www.salvalatualingualocale.it/wp/2183-2-2

 

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento