ultime notizie

Lucchetti è il nuovo singolo di ...

Leo Pari è un vero e proprio artigiano della musica pop, dove con questo termine vogliamo evidenziare la sua capacità di attingere dalla scuola cantautorale più consolidata e integrarla con arrangiamenti ...

La magia della musica che crea l’incontro: la finale de L’Artista che non c’era 2020

Chi l’avrebbe mai detto

“Il nuovo non s’inventa. Si scopre” (Giovanni Pascoli)

A volte non serve dirselo ad alta voce, basta guardarsi negli occhi: chi l’avrebbe mai detto. Una finale dal vivo del nostro concorso qualche mese fa era, forse, impensabile. E invece L’Artista che non c’era 2020 ha consumato il suo ultimo atto al CPM di Milano sabato 18 luglio.

L’aspetto sanitario, complice la musica, come recita il vecchio adagio, alla fine è stato solo un rispettabile corollario che, di fatto, ha ridotto i numeri delle presenze senza annientare la voglia di stare assieme. Artisti, redazione e giurati hanno condiviso una giornata piena di canzoni, rinnovando la magia dell’incontro creata dalla musica. All’epoca del distanziamento sociale, al di là dei conti e della gara, incontrarsi di nuovo è l’aspetto più importante e anzi, suona quasi come una liberazione. Un sospiro di sollievo. Un ritorno a galla dopo mesi di apnea.

Mesi in cui, nonostante tutto, l’Isola ha ascoltato. Per necessità, forse per esorcismo. Ben ancorata nel presente, ma col pensiero fisso sul futuro e sulla scoperta. Così gli artisti arrivati al CPM erano già di casa nelle orecchie di chi ha ascoltato fin dalle primissime selezioni. La finale, poi, è quel momento in cui la redazione, ad eccezione del suo nucleo (nella foto, da sinistra, Francesca Bignami, caporedattore dal 2014, Stefano Tognoni, collaboratore da oltre vent'anni in redazione e Giulia Zichella, social media manager dal 2015) si astrae dal voto e si gode l’animazione del palco, mettendosi a servizio di chi deve salirci . Perché è anche questa, a parere di chi scrive, una funzione della critica musicale: mettere gli artisti nelle condizioni migliori per esprimersi e comunicare il proprio progetto. In poche parole, conoscere e far conoscere.

Il vincitore è stato DANIELE DE GREGORI, che ha portato sul palco i due brani che ha presentato al concorso: Charlie Chaplin e Prima gli italiani. Il cantautore romano ha catturato la giuria per l’impianto teatrale e spettacolare della sua esibizione, costruita sui temi dell’autocoscienza e della denuncia sociologica a metà tra rabbia e ironia. Di grande impatto anche la formazione: un quartetto formato dallo stesso De Gregori, Stefano Agostinelli (synth, sequenze, cori), Gabriele Conti (piano elettrico) e Lorenzo “Pikkio” De Angelis (chitarre), che ha suonato con “il vincitore” per il secondo anno consecutivo, visto che nel 2019 aveva accompagnato Sara Jane Ceccarelli.

Negli almanacchi il vincitore è uno, ma per l’Isola gli altri nove non hanno perso, perché nella scoperta non c’è mai sconfitta. Ciò che rende sempre avvincente la finale de L’Artista che non c’era è la gustosa alternanza tra stili, linguaggi e formazioni. Non c’è una regola, perché nella società dell’apparire è bello pensare che, invece, conti sempre un po’ di più il contenuto della forma.

BUVA da Cerignola, visibilmente emozionato, ha eseguito le due canzoni presentate al concorso, Sud, alla chitarra, e Libera, dedicata alla memoria di Falcone e Borsellino, al piano. Sorprendente per timbro e grinta CANE SULLA LUNA (a destra nella foto), al secolo Nicola Pressi, sul palco in trio con Lorenzo Berretti (basso) e David Guerriero (batteria). Sola al piano la siciliana GIULIA MEI, che con Kundera e La bellezza ha cantato i pensieri, in realtà poco pensati, della vita adulta. Formazione completa per GIULIO WILSON, alla terza finale consecutiva, accompagnato da Tiziano Pellegrino (chitarre), Roberto Bassi (piano elettrico), Sandro Rosati (basso) e Valter Sacripanti (batteria). Tutta la poesia delle partenze, con una buona dose di sperimentazione, nell’esibizione di LIANA MARINO, in trio con Paolo Zonta (basso) e Paolo Rigotto (batteria). LUCA GUIDI, invece, ha dato spazio alla sua anima da chitarrista nei due brani Tutto quello che hai e Sulla pelle, una delicata fotografia del mare con una prospettiva opposta alla nostra. MARTA DE LLUVIA, giunta da Bruxelles con il suo raffinato arpeggio chitarristico, ha portato sul palco il soffio ancestrale del contrabbasso, suonato da Paolo Priolo, mentre ROBERTA FINOCCHIARO ha tinto di blues l’auditorium del CPM. Il suo è un progetto in lingua inglese, così come quello di SHEFOUND (nella foto), gruppo formato da Nicole Stella, Michele Lavarda, Giorgio Perin, Gabriele Cazzola e Luca Guglielmi, che ha avuto il compito, mai facile, di aprire la gara.

Per tutta la durata delle esibizioni c’è stata una diretta streaming, gestita da Emiliano Baragiola dalla sezione Pro-Audio del CPM sulla pagina ufficiale della Scuola e in condivisione anche su quella de L’Isola che non c’era. A presentare questa 17ª edizione due collaboratrici de L’Isola, Viviana BerardiMarìka Amoretti, mentre in platea, ad ascoltare, valutare ed esprimere un voto finale, c’erano una quindicina di addetti ai lavori. Eccoli:

Alberto Boi (Advice Music Records & Studio), Alessandro Balzani (Garage Moulinski), Carlo Lecchi (AVI-Assoc. Vinile Italiana), Daniela Frittoli (L'Amaca-Scuola di Musica), Gaetano Petronio (GPC Ufficio Stampa), Guido Guglielminetti (musicista, produttore), Lalla Francia (vocal coach), Luca Nobis (direttore didattico CPM), Marco Ciapparelli (resp. spettacolo One Tv), Massimo Pirotta (operatore culturale), Mauro Paoluzzi (musicista, produttore), Michele Gazich (artista, produttore), Savino Valerio (autore, produttore), mentre il presidente di Giuria era Guido Giazzi, storico giornalista (nella foto di apertura nel momento della premiazione), che da gennaio 2020 è anche il nuovo Presidente dell’Associazione Culturale L’Isola della Musica Italiana, il “contenitore” di tutte le attività legate a L’Isola che non c’era (sito web, social, Premio, eventi e rassegne, ecc.).
Ricordiamo che a scegliere i 10 finalisti è stata una giuria composta da oltre un centinaio di operatori, che nel mese di giugno ha avuto modo di ricevere il materiale dei 20 semi-finalisti e decretare così i nomi dei 10 artisti/gruppi che si sono esibiti sabato 18 luglio al CPM (clicca qui per leggere la Giuria esterna della semi-finale).

Una gara che non c’è stata invece per la sezione Strumentale, che ha portato sul palco del CPM direttamente i due vincitori decretati dagli ascolti dei mesi passati: RAOUL MORETTI ha incantato tutti con la sua arpa blu elettrico, mentre DANIELA MASTRANDREA, pianista, ha presentato il videoclip di Mondi paralleli girato nella sua città natale Gravina in Puglia, sul ponte dell’acquedotto che collega la necropoli alla città nuova. Uno dei momenti di maggior tensione emotiva di tutta la serata. Nella foto Luca Nobis mentre consegna i due attestati che ufficializzano l'inserimento dei rispettivi brani nell'Audioteca di "CO2", il progetto volto a portare sollievo alla popolazione carceraria e di cui è promotore il CPM insieme al Ministero di Grazia e Giustizia e della Siae.

La “gara”, nei circuiti che privilegiano la qualità, è sempre un pretesto. In questa particolare occasione, è stata semplicemente una festa per la musica che da sempre unisce l’uomo. All’epoca del distanziamento sociale, al di là dei conti e della competizione, incontrarsi di nuovo è l’aspetto più importante e anzi, suona quasi come una liberazione. Un sospiro di sollievo. Un ritorno a galla dopo mesi di apnea. Chi l’avrebbe mai detto.

Foto di Luca Carcano

--------------------------------------------------------------

 

BUVA
Valerio Bucchiccio (chitarra, piano e voce)
https://www.facebook.com/buvamusic/
https://www.instagram.com/buvamusic/


 

CANE SULLA LUNA
Nicola Pressi (voce e chitarre)
Lorenzo Berretti (basso)
David Guerriero (batteria)
Facebook
Instagram

 

DANIELE DE GREGORI
Daniele De Gregori (chitarre e voce)
Stefano Agostinelli (synth, sequenze)
Gabriele Conti (piano elettrico)

Lorenzo ‘Pikkio’ De Angelis (chitarre)
Facebook  -  Sito web  -  Instagram

 


GIULIA MEI
Giulia Mei (piano e voce)
Facebook
Sito Web
Instagram

 

GIULIO WILSON
Giulio Wilson (chitarra e voce)
Tiziano Pellegrino (chitarre)
Roberto Bassi (piano elettrico)
Sandro Rosati (basso)
Valter Sacripanti (batteria)

Facebook - Sito Web - Instagram

 

LIANA MARINO
Liana Marino (chitarra e voce)
Paolo Zonta (basso)
Paolo Rigotto (batteria)
Facebook
Sito Web
Instagram

 

LUCA GUIDI 
Luca Guidi (chitarra e voce)

https://www.facebook.com/lucaidiug
https://www.instagram.com/lucaguidiguidiluca/?hl=it

 

 

MARTA DE LLUVIA
Marta Natalini (chitarra e voce)
Paolo Priolo (contrabbasso)

https://www.facebook.com/MartaDeLluvia.page/
https://martadelluvia.com/
Instagram

 

 

ROBERTA FINOCCHIARO
(chitarra e voce)
Facebook
https://www.robertafinocchiaro.it/
Instagram

 

 

SHEFOUND
Nicole Stella (voce)
Michele Lavarda (basso, cori)

Giorgio Perin (chitarre)
Gabriele Cazzola (violoncello)
Luca Guglielmi (batteria)
https://www.facebook.com/shefoundmusic/
https://www.instagram.com/shefoundmusic

 

 

 --------------------------------------------------------------------

 

DANIELA MASTRANDREA
Daniela Mastrandrea (pianoforte)
https://www.facebook.com/danielamastrandrea.it/
http://www.danielamastrandrea.it
https://www.instagram.com/danielamastrandrea.it/

 

 

RAOUL MORETTI
Raoul Moretti (arpa elettrificata)
https://www.facebook.com/RaoulMoretti
http://www.raoulmoretti.it/
https://www.instagram.com/raoulmorettiharp/

 


Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento