ultime notizie

Rino Zurzolo, un contrabbasso per amico

La prematura scomparsa di Rino Zurzolo è una perdita umana e artistica che lascia un segno profondo nel nostro paese. Di tutta l’esperienza del sound napoletano creato sotto l’egida ...

Dopo cinque anni Teresa De Sio torna con un album in studio dove reinterpreta quindici brani del compianto amico e musicista napoletano. Tra i tanti successi anche un nuovo inedito scritto da Teresa

‘Teresa canta Pino’, un omaggio sincero in chiave folk d’autore

Pino, Napoli, le piazze e la sua musica

È uscito a metà gennaio l'ultimo disco di Teresa De Sio intitolato "Teresa canta Pino"; non si tratta di un semplice tributo a Pino Daniele (uno dei fondatori tra l'altro della Neapolitan Power) ma un vero e proprio 'atto di devozione' come lei stessa spiega: "per me questo è un progetto devozionale, Pino sta sulle facce della gente, sulla facciata dei palazzi, per le strade. Non possiamo che salutarlo con la musica".

Il suo “amore” per Pino Daniele nasce in tempi lontani, ma tra la fine del 2013 e gli inizi del 2014 succede qualcosa di particolare che getterà il seme per questo progetto futuro, viene infatti invitata da Pino Daniele a far parte di “Napule è tutta n’ata storia”, cinque concerti al Palapartenope di Napoli. L’emozione in quei giorni è stata sempre altissima – ricorda la De Sio – e sono le stesse emozioni che si riverseranno sul lavoro in studio che prenderà vita con questo nuovo album.
La cantautrice napoletana (sessantenne in splendida forma), ha attraversato la nostra storia musicale con il piglio di una donna fortemente connessa alla sua terra d’origine, ma capace di guardare a tutto il Mediterraneo come bacino di influenze musicali e umane. Un’attenzione verso i “sud” del mondo (geografico ma anche come condizione sociale) che la collocano certamente tra le più autorevoli esponenti femminili della nostra tradizione musicale, anche se la definizione più centrata sulla sua figura la da' lei stessa, visto che ama presentarsi come una folksinger, ma d’autore: “[…] la musica folk è il rock del popolo. Con il folk si impara a rispettare gli uomini e le donne del nostro mondo, a riconoscerne il passato e grazie a quello guardare al futuro […]”.

Tornando alla sua ultima uscita discografica, il disco (prodotto da Luisa Pistoia e Carlo Gavaudan per Sosia&Pistoia e da Teresa De Sio, distribuito da Universal Music) è una vera e propria fusione di stili: da una parte quello rappresentato dal folk-rock di Teresa De Sio e dall’altra quello che tutti ben conosciamo del cantautore napoletano.
Nell’album Teresa reinterpreta quindici brani di Pino Daniele più un inedito, O jammone, ovvero “Il capo”, scritto dalla De Sio in ricordo dell’amico e collega scomparso due anni fa. Al disco hanno preso parte anche Niccolò Fabi prestando la sua voce nel brano Un angelo in cielo e il coro dei ragazzi dell’Istituto Melissa Bassi di Scampia nel classico Napule è.

Di seguito la scaletta proposta nell’album:

’O Scarrafone, Bella ‘mbriana, Je so’ pazza (Je so’ pazzo), Lazzari felici, Serenata a fronn’ e limone, Quanno chiove, ’O Jammone, Notte che se ne va, Un angolo di cielo, Fatte ‘na pizza, Chi tiene ‘o mare, Ninnananinnanoè, Tutta n’ata storia, Alleria, Viento, Napule è.

----------------------------------------------------------

http://www.teresadesio.com/

https://www.facebook.com/Teresa-De-Sio-50754826590/

https://twitter.com/teresadesio

 


Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento