ultime notizie

Alice: il suo Viaggio in Italia ...

La cantautrice terrà a ottobre una serie di concerti in terra tedesca Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE MicrosoftInternetExplorer4 /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size ...

Mr.T-Bone and The Young Lions

Heroes

Già dalle prime note Heroes, l’album di Mr.T-Bone and The Young Lions, mette di buon umore, più che altro perchè, per una strana e simpatica associazione di idee, sembra quasi di ascoltare i Wailers cimentarsi in un repertorio più assimilabile alla Blues Brothers Band.

Certo sarà quel piano Rhodes, dal suono che, necessariamente, rimanda al venditore di strumenti di Ray Charles, o quei fiati secchi, precisi, ma la sensazione è davvero quella...

Se lo chiamassimo “reggae ‘n blues” forse scateneremmo le ire dei puristi di entrambi i generi, (non ce ne vogliano!!!), ma, almeno dal punto di vista dell’ascolto, non andremmo molto lontano dalla verità.

In Heroes non prevale l’istinto di strafare, i fiati non sono “debordanti” come spesso succede, non sempre a proposito, nelle produzioni di questo genere e, nota altrettanto positiva, la produzione dell’album non sovraccarica il suono sortendo quell’”effetto banda” in cui i suoni degli strumenti si perdono in modo indistinto, ma  valorizza le singole sonorità rendendo l’ascolto, oltrechè piacevole, anche interessante per i più “tecnici”.

Altro dettaglio particolarmente gradevole sono, ad esempio, la strana “quasi psichedelia” di Me and my soul, le venature soul che qua e là fanno capolino, Somewhere, ad esempio, che spezzano l’uniformità dell’album creando variabili inattese; ricapitolando, il dinamismo del reggae, la “riflessività del blues, la profondità del soul, le “spruzzate”, invero abbastanza accennate, di dub e rocksteady... certo non si può dire che la band di Mr. T-Bone non amplii gli orizzonti del reggae realizzando una sorta di fusion, tra l’altro molto ben suonata.

Ne viene fuori un album organico ma non ripetitivo, brani descrittivi, che un emulo di Spike Lee, o lui stesso, why not?, potrebbe tenere in considerazione come commento sonoro...

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Mr. T-Bone
  • Anno: 2009
  • Durata: 58:09
  • Etichetta: Rudeboy Corner Records

Elenco delle tracce

01. Heroes

02. Do my best

03. My cruel world goodbye

04. Money

05. The president of the republic of  bananas

06. Excuse me

07. This is what i feel

08. Me and my soul

09. Please girl

10. Somewhere

11. Pressure

12. What you wanna do

13. Let ‘em go

14. Take me

15. DUBwhere

Brani migliori

  1. Heroes
  2. Me and my soul
  3. Somewhere

Musicisti

Trompetito: trumpet, cornet Gange: keyboards, backing vocals Ricu: drums Benz: guitar, backing vocals Pakko: bass Cecio: sax Mr. T-Bone: vocals, trombone   Larry Mc Donald: percussions Peter Truffa: Rhodes, organ