ultime notizie

10-11-12 settembre: Musica da Bere 2020

  L’undicesimo appuntamento con “Musica da Bere” - che anch’essa ha dovuto fare i conti con il Covid19 - sarà una tre giorni, con un’anteprima e due serate finali con ...

Peppe Fonte

Quello che ti dirò

Peppe Fonte scrive canzoni da quando aveva quindici anni, quindi da oltre un quarto di secolo, visto che oggi ne ha quarantadue. A istigarlo fu l’incontro con Piero Ciampi e col suo “scudiero” Pino Pavone, come Fonte calabrese, nonché avvocato. La musica è per entrambi una passione, che in Fonte ha conosciuto una lunga stagione-gestazione – appunto – compositiva, per approdare oggi al disco d’esordio. Valeva la pena aspettare tanto? A giudicare dai risultati, palpabili, sì e no contemporaneamente: no perché forse ci si poteva arrivare prima; sì perché in questo modo ci si para di fronte a un artista del tutto maturo.
A parte Sobborghi (di Ciampi, ça va sans dire) e Questi poeti, di cui Fonte compose a suo tempo la musica, vestendovi il bel testo di Pavone (destinatario ancora Ciampi, ça va sans redire), e che, con le consorelle inserite in “Maledetti amici”, valse a Pavone la targa Tenco ’92 come miglior opera prima, tutto il resto si deve interamente alla penna di Fonte. L’impronta ciampiana è evidente ma non prevaricante: il tono è più lieve, sia nei testi, gustosamente “domestici”, che nelle musiche, nitide, dirette, la voce è più piana, musicale – e quell’inflessione calabra non manca di apparentarla qua e là a un Cammariere (per esempio Questo pianoforte, non solo per l’elemento vocale, e del resto non solo qui), un Ennio Rega (Giggia dove sei), lo stesso Renato Zero (ancora Giggia dove sei, e L’ultimo cow-boy), il quale Zero, d’altronde, non disdegnò lui stesso Ciampi, a suo tempo – l’impatto globale è meno denso e conflittuale. Tutto procede spedito a comporre un album capace di illustrare un itinerario espressivo chiaro e tutt’altro che ovvio. Un gran bell’esordio, quindi, a cui sarà il caso di dare un seguito abbastanza in fretta.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Peppe Fonte & Lucio Ranieri
  • Anno: 2008
  • Durata: 45:48
  • Etichetta: Interbeat/Egea

Elenco delle tracce

01. Budapest
02. Questo pianoforte
03. Giggia dove sei
04. I poeti di Stratò
05. Sobborghi
06. Quello che ti dirò
07. Ombrelli soli
08. Capolinea
09. Questi poeti
10. L’ultimo cow-boy

Brani migliori

  1. Questo pianoforte
  2. Quello che ti dirò
  3. L’ultimo cow-boy

Musicisti

Peppe Fonte: voce, pianoforte
Lucio Ranieri
: pianoforte
Francesco Vescio
: chitarre, basso
Roberto Rossi
: batteria
Roberto Cricelli
: tromba