ultime notizie

A tutti piace Fred: cofanetto con ...

Nel sessantesimo anniversario della tragica scomparsa di Fred Buscaglione, la Warner Music Italy vuole ricordare  questo leggendario artista pubblicando un cofanetto composto da ben 5 dischi. I primi tre CD ...

Portfolio

Stefi Wonder

Non me ne vorranno i Portfolio – che pur non conoscendoli personalmente ritengo ragazzi dotati del giusto senso dell’ironia – se per introdurre il loro ultimo lavoro pubblicato per Irma Records sul finire del 2019 mi appoggio ad un dilemma culinario che mi assilla da una vita. Mi spiego meglio: la pizza capricciosa e la 4 stagioni a livello di ingredienti sono di fatto la stessa cosa, cambia solo la loro distribuzione sulla base di pasta, pomodoro e mozzarella; ogni volta non so decidermi se preferisco gustare il singolo spicchio tutto ai carciofi per esempio e così via per gli altri, o se trovarli tutti insieme in ogni boccone. E Stefi Wonder, lavoro ‘multigusto’ della band reggiana, mi scaraventa nella stessa situazione: apparentemente gli otto brani sono molto differenti per stile e svariano dal pop al funk, al soul al rock, nelle loro varie declinazioni e derive. Di primo acchito sembrerebbe tutto molto definito (tipo pizza 4 stagioni) ma proseguendo e andando più a fondo dopo vari ascolti scopri che i singoli brani diventano solo nel loro insieme la base. Si possono così ricondurre i singoli stili e i singoli sapori musicali ma si intercalano, si alternano e si contaminano tra loro influenzando decisamente il gusto di fondo che ti lascia il disco, quindi la visione/gusto complessiva non può che ricondurti inevitabilmente… alla ‘capricciosa’.

La questione credo sia sanabile solo dai Portfolio stessi che sicuramente prima di entrare in studio per la loro quinta produzione avranno raccolto i loro migliori ingredienti e deciso, rispetto ai loro lavori precedenti, di uscire con un prodotto definito nei singoli pezzi puntando alla omogeneità della forma canzone; poi, come anticipato, la contaminazione dei generi esce sul lavoro nel suo complesso. Per cui, da un’apertura dai connotati fortemente dance e sottilmente pop (Stefi Wonder)  arriviamo a brani che scaldano il cuore e l’anima, ricchi di bassi profondi e chitarre sincere e con una dolce tromba lontana (Io e Stan e Che gioia) e comunque solo dopo che la band, aiutata dalla calda  voce femminile di Claudia Domenichini, ti ha portato a prendere un assaggio di un Agosto lontano dalle spiagge (ma che non ti impedisce di pensarti su un magnifico lettino in riva al mare).

L’ascolto dell’album procede quindi con Fluidità, ed è come una capriola in avanti: un brano strumentale decisamente sperimentale con sonorità distorte e sapientemente confuse dal ritmo sincopato e una chitarra elettrica che ti conduce in meandri che rasentano atmosfere dark. L’ascoltatore/assaggiatore perde tutti i punti di riferimento e prima ancora di trovare un nuovo equilibrio ecco un’entrata funky con i Mostri dell’Edelweiss, e si scatena una nuova sudante sensualità che si chiude con un po’ di drum&base. giusto per sciogliere i grassi e aiutare la digestione. A calmare un po’ gli spiriti, arriva poi una vera canzone soul in chiave italiana (I suoi organi) che lancia una chiusura in rock psichedelico (Scuola strumentale reggiana), dove credo escano prepotenti le emozioni che guidano la band: terre dove la natura è ancora padrona, dove la cadenza delle stagioni alterna la vita con soave regolarità e dove il cielo è raramente coperto dalle nebbie che si vedono lontane all’orizzonte verso valle.

Un lavoro che sicuramente sfugge agli stereotipi dominanti nella scena musicale italiana (anche alternativa), un piatto che si divora in un solo boccone…starà a voi ascoltatori decidere quale gusto scoprici dentro.  

         

   

 

 

 


 

 

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Anno: 2019
  • Etichetta: Irma Records

Elenco delle tracce

01. Stefi wonder
02. Io e stan    
03. Agosto 
04. Che gioia  
05. Fluidità   
06. Sunshine (mostri all’Edelweiss)   
07. I suoi organi  
08. Scuola strumentale reggiana  

Brani migliori

  1. Che gioia
  2. Liquidità
  3. Scuola strumentale reggiana

Musicisti

Giacomo Parmeggiani (voce)  -  Tiziano Bianchi (tromba, tastiere, basso)  -  Emilio Marconi (chitarre)  -  Bojan Falzagic (chitarre, tastiere, basso)  -  Marco Frattini (batteria) – Claudia Domenichini (voce).