ultime notizie

Giulio Casale: “Inexorable”, nuovo disco in ...

Conferenza stampa di presentazione "Inexorable", 4 dicembre, Circolo Culturale La Corte dei Miracoli – Milano. di Giuseppe Verrini Inesorabile Casale. Ancora, più forte di prima, torna la voglia di raccontare di ...

Gigi Montali

Tracce di Blues

Il desiderio di scoprire, la voglia di emozionare, il gusto di catturare, tre concetti che riassumono l’arte della fotografia. Helmut Newton

Gigi Montali è un fotografo di reportage, paesaggista freelance e fondatore del gruppo fotografico Color’s Light di Colorno. Gigi Montali è un artista, di arte possiamo parlare guardando i suoi scatti, che per il modo in cui con le sue fotografie ci parla del mondo possiamo definirlo un cittadino del mondo.
Guardando le sue foto ci è subito chiaro che per lui fotografare è una maniera di vivere ma, come ricordava il fotoreporter Ferdinando Scianna, non dando semplicemente importanza al supporto (la fotografia) ma alla vita che essa stessa ci mette davanti agli occhi perché non ci si dimentichi che l’importante è raccontare una storia. Se si parte dalla fotografia, non si arriva in nessun altro posto che alla fotografia.

Con questo libro Montali ci racconta (per immagini) la storia del Blues. Tracce di Blues non è la semplice cronistoria di un viaggio lungo la Great River Road o "strada del grande fiume" (la U.S. Route 61 o Highway 61 va da Nouvelle-Orléans fino a Chicago lungo il Delta del Mississippi) è molto di più, è come immergere entrambi i piedi nelle acque limacciose del Grande Fiume e sentirsi a contatto diretto con quello che il Blues ha rappresentato e che riesce a rappresentare tutt’oggi.

Le miglia, sfogliano le pagine del libro, scorrono leggere e senza rendercene conto da New Orleans (città del Jazz della Preservation Hall, dello Zydeco e del Cajun) ci ritroviamo a Chicago (la capitale del Blues dei nostri giorni, del Blues elettrico) passando per Indianola (e il suo BB King Museum), i Juke Joint (i chiassosi locali, dove ancora oggi si suona, si balla e si beve proprio come alle origini), Clarksdale (dove tutto pare essere nato), Memphis (città tra l’altro importante per le lotte per i diritti civili) e infine Saint Louis.

Le immagini scorrono, appunto pagina dopo pagina, la musica in sottofondo e il racconto che ne consegue ci prendono per mano e ci accompagnano trasportati dalle “note blu” cantate dagli schiavi africani nei campi di cotone fin dentro lo sviluppo storico di una cultura.
Un libro Tracce di Blues che non può mancare assolutamente nella biblioteca di ogni amante del Blues.

 

  

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Artista: Gigi Montali
  • Editore: Arti Grafiche Parma
  • Pagine: 128
  • Anno: 2017
  • Prezzo: 20.00 €

Altri articoli di Maurizio Galli