ultime notizie

Franco Battiato, l’uomo che ci ...

  È stata una splendida e sobria serata quella che ieri sera, al teatro della Triennale, ha ricordato il “cittadino milanese” Franco Battiato, il musicista giunto dalla sua solare Sicilia per conquistare ...

La Rosta

Hotel Colonial

Il concetto di crowdfunding nell’ultimo decennio è diventato familiare nel dizionario degli artisti, in quanto rappresenta la speranza in più per pubblicare i propri lavori, visto che di produttori con la voglia di rischiare su nuovi nomi se ne trovano ben pochi. Ma l’assurdo è che in questa occasione non parliamo di benemeriti sconosciuti, in quanto i reggiani La Rosta fan capo a due personaggi del calibro di Massimo “Ice “ Ghiacci (Modena City Ramblers) e Marco “Goran”  Ambrosi (Nuju), con l’aggiunta recente di Andrea Rovacchi (Julie’s Haircut). Eppure, anche loro, dopo un paio d’anni passati ad elaborare gli 11 pezzi del nuovo album Hotel Colonial, son dovuti ricorrere all’istituto in premessa: pensate un po’ come siamo messi per sostenere l’arte!

Per fortuna il disco vede comunque la luce e compiace l’orecchio. Un’opera onesta, lodevole, dall’acustica scintillante che profuma di spezie internazionali e che non lascia nulla al caso ma punta il bersaglio dell’empatia, che ci vede tutti protagonisti nella ricerca di migliorarsi nello spirito e nelle istintività, spesso complici distruttive di un equilibrio che arranca nel fine primario di anelare serenità nel cuore. L’anteprima dello scorso autunno ci fu fornito dal singolo Con la poesia, strutturato su pizzicate e pennate stoppate che assecondano, diligentemente, il clima da strong-ballad che si respira, mentre l’altro apripista Odore di miscela sferra un ruvido quanto gagliardo emo-country che ti sbatte in sella ad un cavallo e via di corsa in un galoppo nelle lande West-coast. L’intero Hotel Colonial è, tuttavia, un albergo con 11 stanze iconiche, accomunate nel trait-d’union di braccare e far progredire l’uomo “errante”: che commetta errori o vaghi nell’incertezza, la meta è quella di continuare a perseguire l’evoluzione personale senza tirare mai i remi in barca ed  il soggiorno che offrono i Nostri è sì, confortevole ed elegante, ma brulica di pulsazioni esistenziali. L’acustica corre spesso Sul Filo di chitarre variegate e ritmiche allestite obliando opulenze sonore  a tal punto che, nel mezzo del cammin di loro vi(t)a, arriva l’emblematica strumentale La stanza chiusa. Invece, la carezza pianistica che sfoggia Ramingo è intrisa di sana malinconia in un narrato caldo e passionale, mentre I Denti del cane e Una vita insieme sono specchi ponderativi sui morsi che lascia sulla pelle lo scorrere del tempo, nel quale l’unica àncora di salvezza è cementare l’armonia di coppia. L’amara folk-ballad L’uomo in grigio gira la chiave dell’ultima mandata del portone di Hotel Colonial, chiudendo i battenti di un lavoro verace, sanguigno, opalino negli intenti ed evolutivo nel cuore, la cui porta non va mai chiusa per essere sempre aperta a slanci di rinnovata identità.

 

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Anno: 2022
  • Durata: 32:04
  • Etichetta: New Model Label

Elenco delle tracce

01. Hotel Colonial

02. Con la poesia

03. Sul filo

04. La ragazza con il piercing nel cuore

05. Odore di miscela

06. La stanza chiusa

07. Ramingo

08. I denti del cane

09. Una vita insieme

10. L’uomo in grigio

11. Non c’è più tempo

Brani migliori

  1. Sul filo
  2. Odore di miscela
  3. Ramingo

Musicisti

Massimo Ghiacci: voce, chitarra acustica, mandolino - Marco Ambrosi: chitarra acustica ed elettrica, bazouki, mandolino, percussioni, cori – Andrea Rovacchi: sintetizzatore, pianoforte, organo, batteria, percussioni