ultime notizie

Nuovo singolo de La Scelta, un ...

  Dopo due anni d’attesa dal loro ultimo lavoro, lo splendido Colore Alieno, ritorna il gruppo La Scelta, una delle formazioni più interessanti del nostro panorama musicale. Le aspettative erano ...

Brigada Internazionale & Daniele Sepe

Nostra Patria è il Mondo Intero

Qualche “malalingua” potrebbe definire la Banda Internazionale come la risposta meridionale alla celebratissima Orchestra di Piazza Vittorio. E i due progetti hanno molto da spartire, onestamente. Seguendo i passi dell’ensemble romano, anche Daniele Sepe, sassofonista e poliedrico compositore partenopeo, ha messo in piedi una formazione multietnica, accomunata dalla volontà di costruire un dialogo fra mondi diversi, ovviamente attraverso la musica. Ma questo è solo il punto di partenza di un progetto che, pur attingendo a piene mani da materiale popolare e non, ha una maggiore coerenza musicale e un messaggio ben più scolpito: la nota pubblicata nel coloratissimo digipack, la scelta della copertina (tratta da un manifesto antifranchista spagnolo del 1937) e il brano Un’altra via d’uscita sono lì a testimoniarlo.
Nostra patria è il mondo intero
è soprattutto una festa itinerante che riesce a fare incontrare mondi apparentemente lontani in modo sorprendente ed emozionante. Ad aprire il disco l’allegria di Opa Zupa Zazazà, che, introdotto il tema arabeggiante portante in versione techno, si apre a un arrangiamento in salsa balcanica, con un cantato in slavo ancora carico di suggestioni mediorientali. Dal Mediterraneo al Sud America con Asa Branca, con un malinconico prologo voce e chitarra, che s’intreccia all’altrettanto malinconico samba Magalenha. Segue una versione funky di Barbary Coast dei Weather Report, dove a prevalere è un binomio sax-basso che definisce un groove caldo e trascinante che va ad abbracciare anche la tunisina Ye ceraylesh. Si vola poi dall’Africa al Brasile, dal raggae africano di Mbegel alle note di Luiz/Procissao, collegate da un ponte intercontinentale di percussioni. Solo il tempo di una breve puntata a Cuba con la trascinante Saoco, poi ancora Brasile, dove si sposano in un matrimonio imprevedibile le canzoni popolari Sanie cu Zurgalai, rumena, e Odolum, brasiliana, per sbarcare infine nell’Argentina di Milonga, strumentale in cui domina l’allegro suono della quena.
A chiudere il disco, un secondo omaggio ai Weather Report, con la stupenda Black Market di Joe Zawinul in una versione più luminosa, che va a fondersi con il brano simbolo di questo disco, Un’altra via d’uscita, filastrocca corale sul “mercato nero” vero, sulla catena senza fine che comincia sempre e comunque con lo sfruttamento del cosiddetto Terzo Mondo: un brano dolceamaro e dispettoso che, come ogni singola nota di questo disco, induce a riflettere mentre si batte il piede.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Daniele Sepe
  • Anno: 2008
  • Durata: 55: 21
  • Etichetta: Edel

Elenco delle tracce

01. Opa Zupa Zazazà
02. Asa Branca/Magalenha
03. Barbary Coast/ Ye Ceraylesh
04. Mbegel
05. Luiz / Procissao
06. Saoco
07. Sanie cu Zurgalai/ Odolum
08. Milonga de mis amores
09. Black Market / Un’altra via d’uscita

Brani migliori

  1. Asa Branca/ Magalenha
  2. Sanie cu Zurgalai/ Odolum
  3. Black Market / Un’altra via d’uscita

Musicisti

Doris Lavin: voce (Cuba)
Monica Georghe: voce (Romania)
Auli Kokko: (Svezia)
Ismail Niang: voce (Senegal)
Adnan Hozic: chitarra e voce (Bosnia)
Arlen Azevedo: chitarra e voce (Brasile)
Marzuk Mejiri: Percussioni e voce (Tunisia)
Cruz Lemos Edmilson “Carcarà”: percussioni (Brasile)
Roberto Bastos: percussioni e voce (Brasile)
Roberto Lagoa: percussioni e voce (Argentina)
Gianfranco Campagnoli: tromba (Italia)
Roberto Schiano: trombone (Italia)
Franco Giaccia: chitarra elettrica (Italia)
Piero de Asmundis: tastiere (Italia)
Gigi De Rienzo: basso (Italia)
Enzo Pinelli: batteria (Italia)
Daniele Sepe: sax (Italia)