ultime notizie

Nuovo singolo de La Scelta, un ...

  Dopo due anni d’attesa dal loro ultimo lavoro, lo splendido Colore Alieno, ritorna il gruppo La Scelta, una delle formazioni più interessanti del nostro panorama musicale. Le aspettative erano ...

Grazia Di Michele

Sante Bambole Puttane

Dieci donne, dieci nomi, dieci storie, dieci vite. A raccontarcele è Grazia Di Michele attraverso la sua bella sensibilità di cantautrice, musicista e soprattutto donna. Sante Bambole Puttane è un racconto sonoro di forte intensità, di grande spessore, da ascoltare tutto d’un fiato dapprima, da approfondire episodio per episodio in seguito. Meglio sarebbe seguire le canzoni parola per parola, immergendosi in profondità nell’anima di questo disco delicatamente toccante e commovente, che vede come autrice dei testi (sei su dieci) la ritrovata sorella Joanna Di Michele

La voce di Grazia ha il grande potere di materializzarle queste donne, in molti casi poco più che bambine, di farcele vedere con i loro occhi tristi, i loro sorrisi malinconici, i loro corpi segnati. Incomprese, rifiutate, rinnegate, oppresse, sacrificate, violentate, ma comunque capaci di mantenere intatta la loro purezza, la loro tenerezza, la loro voglia di esserci e affermare chi sono in un mondo che, in molti casi, vuole solo annullarle e distruggerle. Il canto della Di Michele non è un grido, bensì una sorta di preghiera accorata, piena di poesia e sentimento, proiettata verso la dimensione dell’oltre, lì dove la speranza non muore mai ed è possibile trovare persino bellezza nel dolore (Lora).

Tra queste donne, ce n’è una in particolare, Apollonia, che «sa le cose che gli altri non sanno perché alla verità preferiscono l’inganno», a cui Grazia a donato una “Vita” più lunga di una canzone nell’omonimo romanzo (chi lo leggerà comprenderà il significato della parola virgolettata), pubblicato lo scorso maggio da Castelvecchi, sua prima buona prova da scrittrice. C’è anche spazio per la Zelda di Enrico Bassignano, brano del 1976 che la Di Michele rilegge facendolo proprio. Passando in rassegna l’intera discografia della cantautrice romana, dall’opera prima Cliché del 1978 fino a quest’ultima, emerge chiaro che a raccontare in musica l’universo femminile nelle sue molteplici sfaccettature è stata ed è unicamente lei.

Foto di Debora Tofanacchio

 

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Anno: 2019
  • Durata: 35:33
  • Etichetta: Incipit Records / Egea Music

Elenco delle tracce

01. Lora
02. Amina
03. Irina
04. Sonia
05. Dorina
06. Helen
07. Habi
08. Apollonia
09. Zelda
10. Raya

Brani migliori

  1. Lora
  2. Sonia
  3. Zelda

Musicisti

Grazia Di Michele, Andy Bartolucci, Claudio Bartolucci, Marco Valerio Cecilia
Ospiti: Patrizio Fariselli, Marco Siniscalco, Francesco Puglisi, Francesco Sciarretta, Filippo De Laura, Daniela Iezzi, Andrea Leali, Saverio Capo