ultime notizie

Nuovo singolo de La Scelta, un ...

  Dopo due anni d’attesa dal loro ultimo lavoro, lo splendido Colore Alieno, ritorna il gruppo La Scelta, una delle formazioni più interessanti del nostro panorama musicale. Le aspettative erano ...

Massimo Bubola

Ballate di Terra & d’Acqua

Di solito negli artisti della canzone la creatività segue una traiettoria a parabola. Cresce fino ad un certo punto per poi, quasi inevitabilmente, cominciare a calare. Basta guardare il percorso di molti musicisti o di molti gruppi per trovare all’inizio della loro storia i dischi e le canzoni migliori. Man mano che passano gli anni la loro produzione diventa spesso ripetitiva, senza la freschezza e la fantasia degli inizi. Per fortuna non sempre però è così. L’ultimo disco di Massimo Bubola, Ballate di Terra & d’Acqua è un lavoro che possiamo sicuramente considerare tra i suoi migliori, se non il migliore in assoluto. Ogni suo componente, il titolo, la copertina, le canzoni, perfino la grafica, ci dimostra come in questo caso alla base ci sia una ispirazione particolare, come una necessità di fotografare attraverso parole cantate questo strano momento storico. Un album che merita di essere ascoltato parecchio, con attenzione e concentrazione; un disco nel quale ancora una volta Massimo Bubola riesce a tradurre in forma di canzone concetti assoluti, che toccano il livello esistenziale, come la vita, la morte, la fede, l’amicizia, la memoria, il senso di disorientamento dell’oggi e al tempo stesso la speranza in un mondo migliore.

Come sempre le metafore si rincorrono, la banalità è bandita ed emerge il grande talento poetico di un cantautore rock che dopo aver alternato ai propri dischi le collaborazioni con Fabrizio De Andrè, Mauro Pagani, Fiorella Mannoia (per citare solo i più noti) dal 1994, con “Doppio lungo addio”, ha deciso di dedicarsi soprattutto alla produzione delle proprie canzoni. I testi sacri e la letteratura sono abbondantemente rivisitati e il tema del doppio o del dualismo, uno degli argomenti caratterizzanti delle sue liriche (basta scorrere i titoli dei suoi dischi: “Amore e guerra”, “Diavoli e farfalle”, “Segreti trasparenti”, “Doppio lungo addio”) ci dimostra come il confine tra  bene e male spesso sia molto sottile. Si parte con un brano bellissimo, Sto solo sanguinando, canzone nella quale il cantautore veronese rilegge con una sorta di tristezza e un po’ di disincanto lo stile di vita odierno, nel quale domina l’immagine ed il qualunquismo procura ferite che fanno sanguinare. Subito dopo arriva Una chitarra per due canzoni (anche qui il doppio), una folk ballad intrisa di simboli e letteratura. Cambiano è invece una canzone politica, che parla di volta faccia e  di regole capovolte; mentre Un angelo alla mia porta è una rock song immaginaria, dove l’Angelo (che arriva su una Porsche!) bussa alla porta e trascina il protagonista in Paradiso, a brindare a champagne con Mozart. Tutti quegli anni è un brano sulla memoria, una canzone autobiografica sul padre ma anche su un mondo passato fatto di valori e di certezze. Uruguay, decorato dalla splendida chitarra latina di Simone Chivilò,  è il secondo capitolo di “Camicie rosse”, brano da lui composto e cantato anche da Fiorella Mannoia, dedicato ad Anita Garibaldi.

Un grande disco insomma, dal quale emerge l’attenzione che Bubola pone alle diverse componenti di una canzone, dosate con equilibrio e senso della misura: le parole dei testi, sempre ricchi e profondi, la melodia di stampo popolare e il suono, che risente della lezione dei maestri di sempre (Bob Dylan, Lou Reed, Nick Cave), ma anche degli influssi della migliore new wave americana degli anni Ottanta. Senza dimenticare ovviamente i richiami a Fabrizio De Andrè.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Massimo Bubola & Simone Chivilò
  • Anno: 2008
  • Durata: 48:16
  • Etichetta: Eccher Music/Self

Elenco delle tracce

01. Sto solo sanguinando
02. Una chitarra per due canzoni
03. Cambiano
04. Tu rifugio avrai
05. Dolce Erica
06. Un angelo alla mia porta
07. Tutti quegli anni
08. Uruguay
09. La Collina dei Ghepardi
10. Uno, due, tre
11. Canzone dell’assenza

Brani migliori

  1. Sto solo sanguinando
  2. Una chitarra per due canzoni
  3. Uruguay

Musicisti

Massimo Bubola:voce,chitarre acustiche ed elettriche, armonica
Simone Chivilò
:chitarre acustiche ed elettriche, dobro
Francesco Maria Weber
: piano & organo hammond
Alessandro Formenti
: basso
Joe Damiani
: batteria & percussioni
Mauro Ottolini
: trombone
Erika Ardemagni
: cori
Lucia Muller
: cori